Conversazione con Papa Francesco

papa_francesco_primo_piano

Se non l’avete ancora fatto, vi consiglio di leggere la bella conversazione-intervista con Papa Francesco pubblicata dalla Civiltà Cattolica: attraverso un stile semplice, colloquiale, ma profondo, emergono con forza la sua personalità e tutti i temi che hanno caratterizzato questi primi sei mesi di Pontificato. Il testo in pdf: Intervista papa Francesco – Civ Catt

Decifrare il nuovo…

Papa messa crismale 2013A proposito della commissione di cardinali creata da papa Francesco, Stella Morra offre questa riflessione.

Faccio il teologo, di professione, ho studiato e studio le complesse dinamiche delle forme che l’esperienza cristiana ha preso e prende nella storia, cerco di decifrare e di estorcere significati e conseguenze a gesti e parole che sono sempre e solo la punta dell’iceberg di mondi interiori e di quella trascendenza che (fortunatamente) sfugge sempre ad ogni nostra volontà di possesso. E sono spesso nella difficoltà di rendere “in modo semplice” fenomeni così densi e complessi, dato che bisogna essere davvero bravi per farsi capire da tutti e non perdere precisione e fondatezza.
Così sono spesso sconcertata da una certa superficialità con cui i fenomeni religiosi vengono interpretati, con categorie politiche o sociali, in fretta, senza la competenza necessaria: legittimo, ognuno può dire la sua e ha diritto di usare i criteri che crede, ma mi spiace vedere la ricchezza del nuovo (e dell’antico) persa in una chiacchera da bar (e purtroppo non vale solo per le questioni religiose….!).
Così mi sembra una piccola e innocente “vendetta” il comportamento di papa Francesco, che ci mette continuamente di fronte a piccole e grandi cose che ci spiazzano e spezzano le griglie interpretative scontate, che costringono anche i più disattenti ad andare a controllare la storia e a interpretare le regole e le parole… anche i più disattenti sono nell’impossibilità di ridurre tutto a categorie polari come conservatore/progressista e così via.
La Chiesa cattolica sta attraversando un tempo di grande transizione, iniziato almeno 50 anni fa con il Concilio Vaticano II che si è proposto il grande compito dell’aggiornamento, dato che  “altra cosa è infatti il deposito stesso della fede, vale a dire le verità contenute nella nostra dottrina, e altra cosa è la forma con cui quelle vengono enunciate, conservando ad esse tuttavia lo stesso senso e la stessa portata. Bisognerà attribuire molta importanza a questa forma e, se necessario, bisognerà insistere con pazienza nella sua elaborazione”. (GIOVANNI XXIII, Gaudet Mater Ecclesia, 11 ottobre 1962, 55*).

Continua a leggere

Un nome, un programma

Papa Francesco I

Habemus Papam: è l’argentino Jorge Mario Bertoglio, il primo pontefice che osa il nome di Francesco. Il suo volto e le sue parole hanno fatto il giro del mondo in pochissimi minuti e sono ritornati indietro sotto forma di articoli, commenti, dibattiti, analisi… Raccogliamo e segnaliamo alcuni spunti che ci paiono interessanti.

Chiesa, quando arriverà Francesco I?

È Pasqua, ci è permesso di sognare… Eccovi la parte finale di un testo che Giovanni Colombo ha scritto per la rivista “Il Margine” (febbraio 2012). [L’intero articolo, molto bello, è questo: Aspettando Francesco I]

“Benedetto XVI compirà tra poco 85 anni, ha cinque bypass al cuore, ha sulle spalle sette anni di pontificato, quindi è arrivato alla sera del suo lungo giorno. E la sera è fatta per pregare. Se a questo punto il Papa diventasse preghiera mollando tutto il resto? Quello che doveva scrivere come teologo l’ha scritto, quello che doveva dire come pastore l’ha detto. Silenzio, il Papa prega! Pensate che messaggio spiazzante per questo mondo che si agita con il suo fare sconclusionato. E non ci sarebbe modo migliore per spiegare ai nostri figli che significhi davvero “non di solo pane vive l’uomo”. Col pane campiamo. Ma è di ben altro che viviamo. Noi viviamo di quel Vento che ci fa costantemente rinascere.
Mi piacerebbe vedere il Papa esposto senza sosta al Vento a invocare il rinascimento. “Devi rinascere dall’alto”, è una delle più belle parole dette da Gesù nel Vangelo. L’invito, rivolto a Nicodemo, vale in ogni epoca sia per i singoli sia per la Chiesa intera. Questa Chiesa superaccessoriata e pesante come il marmo è chiamata a perdere potere, sicurezze, abitudini per rinascere leggera, con il volto migliore.
Arriverà Francesco I? Sì. Dopo tanta preghiera del Papa e, modestamente, anche di noi laici, si può star sicuri che arriverà. Sarà lui il volto migliore. Non conosciamo ancora il colore, se bianco o nero (per il giallo stanno lavorando in tanti, c’è un proliferare di viaggi di ecclesiastici in Cina, ma la questione pechinese ha tempi troppo lunghi perché si risolva prima dell’avvento desiderato). Però conosciamo già il nome. Si chiamerà Francesco. Sarà Francesco I.
Il giorno dopo l’elezione, affiderà all’Unesco, quali siti artistici e turistici, i Palazzi Vaticani, metterà in vendita Castelgandolfo, chiuderà lo Ior affidando i soldi alla Banca popolare etica. Abiterà per lunghi mesi ad Assisi e scenderà a Roma – in treno – per celebrare i riti principali nella “vera” cattedrale del vescovo di Roma, quella di San Giovanni in Laterano. Molte cerimonie le farà all’aperto, sul Monte Subasio o su culmini di colline dove non s’ innalza alcun tempio. Inviterà a sedersi rispettosamente sull’erba. A prendersi le mani tra sconosciuti per storie personali ma ben noti per comune origine. Ad adorare in spirito e verità.
Ridurrà la struttura istituzionale al minimo, con una drastica diminuzione del terziario ecclesiastico (il Concilio Vaticano II voleva snellire la Corte papale ma da allora l’Annuario pontifico ha triplicato le sue pagine). Toglierà il celibato obbligatorio: più piacere, meno ipocrisie. Ordinerà le donne, ma le donne lo vorranno? Non è per nulla scontata la loro disponibilità, dovrà riconquistarle. Darà le dimissioni a 80 anni. Abolirà definitivamente i cardinales. D’ora in poi i grandi elettori del Papa saranno i rappresentanti delle conferenze episcopali. Scriverà un’unica enciclica dal titolo: “In nuditate, Domine”. In essa chiederà perdono di tutte le volte che il cattolicesimo è stato potere persecutorio su coscienze coartate, finzione autoritaria e violenta della verità, pretesa di non errare smentita incessantemente dai fatti. Nel testo elencherà i dogmi, le norme morali e i canoni del Codice di diritto canonico da gettare nel biondo Tevere.
Tolto il fasullo, tolto l’inutile, Gesù di Nazareth tornerà ad affascinare. Sarà di nuovo possibile incontrarlo e seguirlo. Nudus nudum Christum sequi”.

Giovanni Colombo