Famiglia tra diritto canonico e vita

Durante l’estate la rivista “Settimana”, nel numero 28 del 20 luglio 2014, alle pp.1 e 16, ha pubblicato una bella riflessione di un canonista saggio come Vinicio Albanesi. Essa riprende in modo illuminato alcune questioni fondamentali del dibattito in vista del prossimo Sinodo dei Vescovi. Lo fa da un punto di vista giuridico, ma senza mai smarrire il contesto teologico e pastorale delle questioni… Potete leggere sul blog di Andrea Grillo la riflessione di Albanesi.

Grazie a Stella Morra per la segnalazione.

Sinodo sulla famiglia, il nostro contributo

In vista del prossimo Sinodo dei vescovi dedicato alla famiglia anche l’Atrio dei Gentili, come moltissime realtà ecclesiali in tutto il mondo, ha deciso di offrire un suo contributo di riflessione, a partire dal Questionario contenuto nel documento preparatorio del Sinodo. Di seguito il documento elaborato dal Consiglio dell’Atrio dei Gentili dopo un confronto aperto.

Premessa
Prima di addentrarci in alcune questioni che le domande hanno suscitato, entrando in risonanza con temi cari alla nostra associazione, vogliamo esprimere un apprezzamento ed un disagio.
L’apprezzamento per il fatto che il popolo di Dio sia stato chiamato in causa direttamente: è di fatto una voce che arriva “dalla periferia” – per usare un termine caro a papa Francesco – e questa attenzione che arriva “dal centro” è una novità in stile squisitamente conciliare che ci consola.
Il disagio riguarda la sensazione che alla base del documento permanga una (inespressa, ma non per questo meno reale) questione identitaria: si punta l’attenzione su alcune posizioni e comportamenti che dovrebbero distinguerci dagli altri. Continua a leggere

Il sinodo dei vescovi si mette in ascolto

Il prossimo Sinodo dei vescovi (l’assemblea generale è in programma dal 5 al 19 ottobre 2014) sarà dedicato alla famiglia e alle sue sfide. Per partecipare attivamente alla preparazione è stato approntato un Questionario “di ascolto” aperto a tutti. Anche l’Atrio dei Gentili ha deciso di offrire il suo contributo di riflessione. Per raccogliere idee e proposte l’associazione ha organizzato un Consiglio allargato, a cui sono invitati tutti quelli che lo desiderano: l’appuntamento è per lunedì 30 dicembre, alle ore 17, presso il salone della Caritas, in via Vescovado 12, a Fossano.

Di seguito trovate una serie di materiali e link utili:

  1. Documento preparatorio: suddiviso in tre parti, al punto III contiene il Questionario Documento-preparatorio-IIIAssGenStraord_ITA
  2. La conferenza stampa di presentazione Conferenza-stampa-di-presentazione
  3. Dal sito Viandanti:

L’anello perduto… al cinema

L’equipe diocesana “L’anello perduto”, in collaborazione con gli Uffici Famiglia delle diocesi del cuneese, invita tutti coloro che hanno a cuore il tema della famiglia ad un cineforum a cura del prof. Carlo Turco, che – sabato 7 dicembre, alle ore 18, presso il Seminario di Fossano (viale Mellano, 1) – propone un breve percorso antologico di sequenze attraverso alcuni film e autori del cinema italiano e internazionale, che hanno trattato il tema dei rapporti di coppia. In particolare la serata si sviluppa attraverso l’esame di alcune pellicole viste come spazio privilegiato per riflettere sul tema delle relazioni affettive, sulla nascita e la crisi della coppia, con un “mood”, un registro serio ma non serioso, che a cavallo tra commedia e dramma, metta in luce le dinamiche di coppia e gli elementi di una relazione “a due” attraverso le immagini, le angolature e i punti di vista di alcuni grandi registi italiani e internazionali. Carlo Turco, fossanese, è docente di filosofia ed esperto di cinema. Appuntamento quindi alle 18 per l’inizio della proiezione, alla quale segue un buffet condiviso (i partecipanti sono invitati a portare dolci e/o salati e bibite) e il dibattito tra il prof. Turco e i presenti in sala. Per info: paolotax@gmail.com, cell. 338.2335931.

Casomai, torna “Chiacchiere intorno a un film”

Sabato 31 marzo (alle 19,15), nei locali di Cascina Sacerdote (via dello Stagno), verrà proiettato il lungometraggio “Casomai” di Alessandro D’Alatri, con Stefania Rocca e Fabio Volo. Il film risale al 2002 ma è attualissimo per le tematiche affrontate e per le dinamiche che si creano all’interno della coppia su cui è incentrata la vicenda. L’obiettivo della serata non è tenere una discussione “seriosa” tipo cineforum, ma offrire un’occasione per chiacchierare “ascoltando gli occhi, provocati a vedere l’invisibile”.
Trama. Tommaso (Fabio Volo) e Stefania (Stefania Rocca) s’incontrano, si amano, si sposano. Nasce un bambino. Un amore sincero, passionale, sano. Intorno a loro un mondo di amici, parenti, conoscenti, che si emoziona, consiglia, partecipa. Ma fino a che punto questa intensa partecipazione non finirà con l’insinuarsi nel loro mondo affettivo, condizionandolo? Frustrazioni sul lavoro, i soldi che non bastano mai, un isolamento sociale imprevisto. Gradualmente Stefania e Tommaso diventano una coppia come tante altre: non lottano più, non comunicano, litigano senza sapere perché. Forse però la speranza non è morta: quando l’amore non si fa sentire, non è sempre detto che sia finito. Spesso è solo soffocato, sepolto da mille difficoltà che nulla hanno a che vedere con l’amore (da wikipedia).
Si inizia con la proiezione del film alle 19,15; segue la “chiacchierata-riflessione” e, a conclusione, la cena in cui si condivide insieme quanto ognuno ha portato con sé. L’ingresso è libero e la partecipazione è aperta a tutti. Per le famiglie con bimbi è a disposizione l’attiguo spazio della Ludoteca, con la supervisione di un animatore.
Per ulteriori informazioni rivolgersi al presidente dell’Atrio dei Gentili, Gino Grosso, tel. 0172.61225.

L’anello perduto (degli sposi)

È disponibile il libro che raccoglie il percorso realizzato in questi quasi 3 anni con persone separate/divorziate e conviventi/risposate nelle diocesi di Fossano e Cuneo. Il titolo è “L’ANELLO PERDUTO – Sulle orme di un percorso tracciato con separati/divorziati e conviventi/risposati che interrogano la comunità cristiana”.
Questo l’indice del libro: Introduzione (Paolo Tassinari); Una speranza possibile (Mons. Giuseppe Cavallotto, vescovo di Cuneo e Fossano); Separati, divorziati e risposati: le ragioni e le fatiche del Magistero, aperture ed esperienze in Europa (Marco Gallo); La pianura e il cenacolo. Separati/divorziati conviventi e risposati: in comunione, oltre la Comunione (Duilio Albarello); Crisi di coppia e fallimento del matrimonio. Quando e come consigliare una causa di nullità matrimoniale: “Dalla bacchetta magica ad una responsabilità condivisa” (Ettore Signorile); Perdonare e perdonarsi. In viaggio tra rabbia e delusione dopo il naufragio di un matrimonio (Marco Gallo); L’affetto ferito. Rivelazione del Dio agápe, e cura cristiana per il riscatto dei legami (Gianluca Zurra); Genitori sempre, per un corretto rapporto con i figli (Ezio Aceti); di Emanuele Scotti “Nella gioia e nel dolore. Rimanere nel matrimonio sempre”; Silvana Garello “Accogliere le sofferenze …”; 2 catechesi e celebrazioni della Parola con don Derio Olivero, e traccia di due percorsi di gruppo.

Chi è interessato all’acquisto può rivolgersi a Paolo Tassinari di Fossano, coordinatore del percorso, email paolotax@gmail.com