L’Assemblea dei soci chiamata a eleggere il nuovo Consiglio dell’AdG

Lectio e Assemblea 10_2017

Sabato 20 ottobre, dalle 15,30 alle 18 circa, nella sede del Seminario Interdiocesano (salone prossimo all’ingresso) in viale Mellano 1, a Fossano, insieme alla Lectio divina, si svolge l’Assemblea Ordinaria dei Soci dell’Atrio dei Gentili. Il programma del pomeriggio prevede: alle ore 15,30 Introduzione al percorso di Lectio divina dell’anno (qui il tema e il calendario) a cura di Stella Morra; segue l’Assemblea dei soci; pausa caffè e dolcini; commento di Stella Morra al primo brano della Lectio in calendario; alle ore 18 la conclusione dei lavori.

L’assemblea è uno dei momenti qualificanti della vita dell’Associazione, quest’anno inoltre ha il compito di eleggere il nuovo consiglio direttivo in quanto, come da Statuto, quest’organo deve esse rinnovato ogni tre anni, assieme ai Revisori dei conti.

L’Ordine del giorno dell’Assemblea è il seguente:

  • Presentazione e discussione del programma annuale.
  • Approvazione del bilancio consuntivo 2017-2018.
  • Approvazione del bilancio preventivo 2018-2019.
  • Approvazione della quota sociale 2018-2019 su proposta del consiglio direttivo.
  • Delega al Consiglio per la quota sociale 2019-2020.
  • Votazioni per l’elezione del nuovo Consiglio direttivo e dei Revisori dei conti.

Si raccolgono candidature!

L’assemblea è aperta a tutti gli amici, soci e simpatizzanti, mentre l’elettorato attivo e passivo è riservato ai soci, presenti di persona o per delega.

Vi invito tutti a partecipare.

Maria Paola Longo, presidente Atrio dei Gentili

La verità al tempo delle fake news: è il tema della Lectio che inizia il 20 ottobre

La verità al tempo delle fake news. È questo il tema della Lectio divina 2018-2019, che prenderà il via il pomeriggio di sabato 20 ottobre a Fossano, nei locali del Seminario. «Ci sono molte confusioni possibili legate alla parola “verità” – afferma Stella Morra, che anche quest’anno terrà la Lectio promossa da Atrio dei Gentili e Azione cattolica diocesana -: non sappiamo davvero più di chi e di cosa possiamo fidarci, tra esattezza, realtà, evidenza, sincerità, anche se non prendiamo neppure in considerazione la menzogna consapevole e voluta… Eppure, in un tempo di fake news dilaganti, sentiamo forte il bisogno di qualche approdo solido, di qualche elemento che consenta la discussione comune, di qualche concetto affidabile che possa essere un punto di partenza condiviso».

In questa pagina trovate tutte le informazioni sul tema, sulle date e sui brani biblici del percorso 2018-2019.

Lectio divina 2018-2019, tutte le date

È pronto il calendario della Lectio divina; si parte sabato 20 ottobre, il medesimo pomeriggio è prevista anche l’annuale Assemblea dei soci, che segna l’inizio ufficiale delle attività dell’Atrio dei Gentili e che quest’anno è elettiva. L’appuntamento è il sabato pomeriggio alle 15,30 presso i locali del Seminario di Fossano.

Il calendario completo: 20 ottobre; 17 novembre; 15 dicembre; 19 gennaio; 09 febbraio; 09 marzo; 13 aprile; 18 maggio. Prossimamente saranno resi noti il tema e i testi biblici del percorso.

Ultima Lectio del cammino 2017-2018

Sabato 19 maggio, presso i locali del Seminario interdiocesano a Fossano, dalle 15,30 alle 16,45, “L’Atrio dei Gentili” propone l’ultimo incontro con la Lectio divina 2017-2018 sul tema “Cerco un centro di gravità permanente …del cambiare, del farsi cambiare e di un Dio che cambia”; Stella Morra commenta la Lettera agli Efesini 4,11-32: “Ogni vento di dottrina”. L’ingresso è libero a tutti.

Settimo appuntamento con la Lectio divina

Nel fine settimana l’Atrio dei Gentili, in collaborazione con l’Ac diocesana, propone il settimo (penultimo) appuntamento con la Lectio divina, che quest’anno ha per tema “Cerco un centro di gravità permanente… Del cambiare, del farsi cambiare e di un Dio che cambia”. Sabato 21 aprile, presso i locali del Seminario interdiocesano a Fossano, dalle 15,30 alle 16,45, Stella Morra commenta 1 Cor 1,20-31: stoltezza e intelligenza. L’ingresso è libero.

Le Lectio di due anni fa raccolte nel libro “Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi?”

Che cosa è luomo copI libri, si sa, hanno spesso lunga gestazione e questo può accadere per varie ragioni: a volte si giustifica il ritardo con il leggendario “blocco dello scrittore”, altre con l’andamento del mercato, altre ancora con le scelte e le politiche editoriali. Nel caso del libro che qui presento, la ragione del ritardo nella pubblicazione risiede altrove: nell’andamento frenetico della nostra quotidianità, di cui sempre più spesso ci sentiamo in balìa e che in qualche modo governa molte nostre scelte.

Dico questo non solo per trovare una giustificazione al fatto che il nuovo volume curato dall’Atrio dei Gentili (in collaborazione con Marco Ronconi) uscito a dicembre 2017, contiene le Lectio tenute dalla teologa fossanese Stella Morra nell’anno 2015-2016, ma anche perché la relativa capacità dell’essere umano di governare la propria esistenza è strettamente collegata al tema del libro stesso: “Cos’è l’uomo perché te ne ricordi? Cos’è l’uomo perché te ne curi?”.

La frase è tratta dal Salmo 8, un inno di lode al nome di Dio, all’opera delle sue dita e alla grandezza dell’essere umano: “Lo hai reso poco meno di Dio, di gloria e onore lo hai coronato”.

L’uomo guarda la meraviglia del creato, di fronte a luna e stelle percepisce la propria inadeguatezza e domanda direttamente a Dio (come vuole il pensiero ebraico), qual è la ragione per cui, nonostante tutto, continui a ricordarsi di lui e a prendersene cura. “Zakhar” (ricordare) e “Paqad” (prendersi cura, proteggere), sono due verbi fondamentali e assai ricorrenti nel testo biblico, due azioni dirette da cui derivano conseguenze storiche e culturali fondamentali. Yosef Hayim Yerushalmi, nel suo saggio “Zachor”, scriveva: “Gli ebrei sono stati il primo popolo a fare del ricordo un dovere religioso”.

Ricordare è dunque dovere dell’essere umano nei confronti di Dio ma è al tempo stesso un Suo impegno. Cos’è l’uomo perché te ne ricordi?

Continua a leggere

Lectio sul cap. 2 del vangelo di Giovanni

Sabato 24 marzo, presso i locali del Seminario interdiocesano a Fossano, dalle 15,30 alle 16,45, “L’Atrio dei Gentili” propone il sesto incontro della Lectio divina (organizzato insieme all’Ac di Fossano) sul tema “Cerco un centro di gravità permanente …del cambiare, del farsi cambiare e di un Dio che cambia”; Stella Morra commenta Giovanni 2,1-12: le cose non sono quelle che sembrano.