Tra economia e felicità

isaoSegnaliamo la nuova edizione di PERCORSI TRA ECONOMIA E FELICITA’ 2016, che si terrà tra Torino e Ivrea dal 15 al 17 settembre.
Tutti gli eventi sono gratuiti (consigliata la prenotazione), a eccezione degli spettacoli.

Di seguito il programma per i giorni

GIOVEDì 15 SETTEMBRE

VENERDì 16 SETTEMBRE

SABATO 17 SETTEMBRE

ISAO Festival Alla ricerca della Felicità nasce nel 2015 dall’incontro tra Il Mutamento Zona Castalia, da sempre organizzatore del Festival, e l’Associazione Pop Economix che dal 2013 porta avanti un progetto tra teatro, giornalismo, fumetto, editoria per rendere “pop” i temi economici. Proprio l’economia è la grande protagonista del nuovo progetto triennale che caratterizza il Festival e fa convivere le tre Cantiche dantesche, in occasione dei 750 anni dalla nascita del Poeta, con le diverse espressioni della vita economica e sociale, l’ordinario in cui svelare e cercare il sacro, la felicità umana. Percorsi tra economia e felicità, alla sua seconda edizione continua nel 2016 il percorso di ricerca su pratiche, storie, comunità e persone che sperimentano e portano avanti un’economia a servizio dell’uomo, della donna, e della terra. Rispetto all’orizzonte simbolico della Divina Commedia, il 2016 è dedicato al Purgatorio, il tempo-spazio della possibilità. Ci piace declinare questa suggestione nelle parole Territorio/Terra, lo spazio-tempo che ci è dato di vivere, abitare, custodire e coltivare in un’ottica di collaborazione solidale.

(Segnalato da Nadia Lambiase)

Percorsi tra economia e felicità

ISAO_2015_Percorsi tra economia e felicitàL’associazione Pop Economix, in collaborazione con la Scuola di Economia Civile, ha organizzato la sezione centrale dell’ISAO FESTIVAL, giunto alla sua XXII edizione. La sezione si chiama Percorsi tra economia e felicità (dal 29 settembre al 3 ottobre), una rassegna di dialoghi, reading, pranzi a tema, tour nei luoghi dell’economia felice tra Torino e Ivrea cui si accompagnano spettacoli che raccontano la crisi e l’economia che “fa girare il mondo” (scarica il pdf con l’intero programma Percorsi tra economia e felicità)

Economia da salvare?

Negli ultimi tempi, con diversi amici, mi è capitato di discutere di nuovo (dopo anni, forse, che non accadeva più) e appassionatamente di politica ed economia: siamo forse meno rassegnati, e dunque parliamo, ma non certo meno preoccupati e, a volte, confusi. L’ultimo numero della rivista Concilium (il numero 5 del 2011) si intitola “Economia e religione”, tema che non ha bisogno di commenti per comprenderne l’importanza e l’attualità. Inoltre è abbastanza raro che riviste di teologia prendano così di petto un tema come questo, dunque l’occasione è interessante.
L’editoriale della rivista comincia così: “La crisi finanziaria ed economica scoppiata nel 2008 e le successive crisi di quelle economie occidentali che fino a tempi recenti prosperavano, spingono nuovamente a riflettere sul sistema economico egemonico, il capitalismo, e le sue fragilità. Alla contraddizione del sistema che crea nuovi poveri, nuova diseguaglianza sociale, mettendo a rischio l’ecologia globale, si aggiunge ora una profonda crisi interna di fiducia. La «crisi di fiducia» ci ricorda che è implicita una certa dose di fede nel funzionamento dell’economia. C’è una connessione anche tra economia e soteriologia: dopo l’«economia della salvezza» (Eusebio di Cesarea) e l’«economia come salvezza» (Max Weber), le successive crisi e i tentativi degli stati di sostenere banche e investimenti privati starebbero ora ad indicare la necessità vitale di «salvezza dell’economia» (Patrick Viveret). È questa la forma dell’economia che deve essere salvata?”.
La rivista Concilium si può comprare anche come singoli numeri in libreria o ordinare on line al sito dell’editrice Queriniana (€ 15,00).

Stella Morra

Seminario sul lavoro: le registrazioni

Sono disponibili le registrazioni delle relazioni tenute dai vari esperti durante il Seminario “Lavoro? Anch’io!” svoltosi presso il Monastero “Dominus Tecum” a Pra d’ Mill dal 2 al 4 luglio. Si possono scaricare e ascoltare liberamente sul proprio pc o lettore mp3.

  • Introduzioni al tema di Gino Grosso (01Intro_Gino_Grosso) e di Stella Morra (02Intro_Stella)
  • relazione di Bruno Manghi, sociologo, esperto sui temi del lavoro e sindacali, saggista: panoramica generale sul lavoro oggi – 03Manghi_relazione
  • riflessione di padre Zeno, maestro dei novizi di Pra d’ Mill: il lavoro nella regola e nella tradizione benedettina – 04Zeno
  • relazione (e dibattito) di Leopoldo Grosso, psicologo e psicoterapeuta, responsabile dell’Unità di Strada e vice presidente del Gruppo Abele: le dinamiche del lavoro nella costruzione della personalità con particolare riferimento a esperienze di disagio di chi perde il lavoro – 05Grosso_Leopoldo_relazione1, 05Grosso_Leopoldo_relazione2, 06Grosso_Leopoldo_dibattito
  • tavola rotonda con un gruppo di esperti: il “lavoro che manca” e le prospettive future – 07Tavola_rotonda
  • lectio divina di Stella Morra, teologa, docente presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo di Roma: Mc  2,18-28 – 08Lectio_Stella

Materiali su lavoro ed economia

Per chi desidera riflettere in vista del Seminario di studio promosso dall’Atrio dei Gentili e dedicato al lavoro (Pra d’ Mill, 2-4 luglio) ecco due testi, entrambi in formato pdf.

  • Il primo è un contributo dell’Azione Cattolica – settore adulti: una serie di testi per aiutare nel discernimento su questa importante realtà del lavoro: Il_lavoro_rubato (Ac adulti)
  • Il secondo è una riflessione sulla crisi di Mauro Magatti, preside della Facoltà di Sociologia della Università Cattolica di Milano: La_natura_della_crisi (Mauro Magatti)

Occhi aperti sulla crisi, a Camaldoli

“Occhi aperti sulla crisi” (cfr. Lc 12,35-48; 57-59) è il titolo del Colloquio che si svolgerà al monastero di Camaldoli (Arezzo) dal 30 ottobre al 1° novembre (scaricare il programma in pdf con tutte le informazioni per iscriversi Colloqui Camaldoli 09).

Questo ottavo Colloquio è stato pensato come il primo di un programma biennale: nel 2009, come confronto sulla crisi evidenziata, ma non certo circoscritta, dalla “bolla” finanziaria e dalla caduta del modello americano di vita; nel 2010 (decennale della morte di D. Benedetto Calati), come risposta ecclesiale nella fede ai segni individuati, per far nostra la metodologia che D. Benedetto aveva praticato con il suo sorprendente, e sorpreso, “fiuto” alla scuola di Gregorio Magno.

Foresteria Monastero 52010, Camaldoli (AR) Tel. 0575.556013, Fax 0575.556001, E-Mail: foresteria@camaldoli.it

La crisi spiegata a mio figlio

A proposito di economia ed etica, il tema su cui abbiamo molto riflettuto durante l’ultimo anno, ci è arrivato un contributo di Romano Calvo, un amico fossanese che da anni lavoro tra Novara e Milano. Si tratta di un corposo contributo, in formato PDF, che si può scaricare qui di seguito.

Capitale, crisi, europa R_Calvo