“Lectio” di Avvento con il monaco Semeraro

Semeraro Michael Davide

La comunità diocesana di Fossano inaugura l’Avvento con una Lectio divina che si svolge lunedì 3 dicembre alle 21 in Cattedrale a Fossano, alla presenza del vescovo Piero Delbosco. Il tema è un versetto tratto dal libro del profeta Isaia “Ecco faccio una cosa nuova, non vene accorgete?”. A commentarla è stato chiamato fratel Michael Davide Semeraro, monaco benedettino, dottore in Teologia Spirituale, vive nella Koinonia de la Visitation a Rhêmes-Notre-Dame (Aosta). Nel suo servizio di intelligenza della fede e di accoglienza della vita, cerca di coniugare la sua esperienza monastica con l’ascolto delle tematiche che turbano e appassionano il cuore degli uomini e delle donne del nostro tempo. Scrive libri, collabora ad alcune riviste e, compatibilmente con le esigenze della vita monastica, tiene conferenze e accompagna ritiri.

Dialogo tra associazioni per favorire integrazione e inclusione

fami_cultura e inclusione

In un tempo in cui si guarda con sospetto a qualsiasi persona che abbia un colore della pelle diverso dal nostro o un accento straniero, c’è chi cerca di andare controcorrente. Provando a dialogare, a confrontarsi, a mettersi in ascolto dell’altro.

Le Acli piemontesi e provinciali, la Pastorale sociale e del lavoro delle due diocesi, in collaborazione con l’associazione culturale “Atrio dei Gentili” di Fossano e la Caritas diocesana, organizzano una tavola rotonda sul tema “Fare cultura e inclusione – Dialogo tra associazioni”. L’incontro si svolge lunedì 29 ottobre, dalle 18 alle 20, nell’Aula magna del Seminario interdiocesano, viale Mellano  1, a Fossano. L’invito a partecipare è esteso a tutti, credenti e non credenti.

Nella prima parte intervengono un rappresentante dell’associazione “Atrio dei Gentili” di Fossano, il responsabile del Centro culturale islamico di Cuneo, Gigi Garelli dell’associazione “Orizzonti di Pace” di Cuneo e un membro del Museo social club di Fossano. La seconda parte è dedicata al dialogo e al confronto con il pubblico.

Una bella occasione per celebrare la 17ª Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico (che cade il 27 ottobre) e in generale per promuovere alcune delle condizioni (come il confronto e la conoscenza reciproca) che aiutano a prevenire le discriminazioni razziali.

L’incontro si inserisce nel progetto Fami (Fondo Asilo, migrazione e integrazione), di cui è capofila la regione Piemonte, che ha l’obiettivo di rafforzare e sviluppare l’associazionismo immigrato, di far sorgere reti locali per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi, di promuovere la partecipazione dei migranti e delle loro associazioni nei processi sociali di inclusione e nelle politiche di integrazione.

Conclude don Flavio Luciano, responsabile della Pastorale sociale e del lavoro delle due diocesi: “Far dialogare insieme associazioni culturali diverse che si aprono con coraggio e umiltà al dialogo tra le fedi e con l’altro (immigrato e non) ci sembra opportuno e importante in questo periodo”.

Serate con Leonardo: arte, fede, musica…

Leonardo Opera Omnia - Ultima cena

In occasione della mostra “Leonardo. Opera Omnia”, il Vicario generale della diocesi di Fossano mons. Pierangelo Chiaramello, propone una serata dal titolo: “Il Cenacolo. Istantanea di un evento”. Si tratta di un momento di riflessione e ascolto nella chiesa della SS. Trinità (Battuti Rossi, via dell’Ospedale 2), dove è esposta la riproduzione conforme all’originale e in altissima risoluzione de “L’Ultima cena”, intervallato dal canto di “Voci fuori dal coro”. L’appuntamento è per giovedì 25 ottobre alle ore 20.45.

Segnaliamo anche un’altra iniziativa: nelle prime 3 domeniche di novembre verrà proposto un percorso alla scoperta di tre dipinti dell’artista, attualmente esposti presso il Museo diocesano in copia conforme all’originale e in altissima risoluzione, dal titolo: “Attraverso Leonardo… arte, fede e musica”. Alla lettura del quadro a cura della prof.ssa Barbara Villosio, seguirà una meditazione del diacono Paolo Tassinari a partire dalla pagina di Vangelo a cui l’opera si riferisce (la terza meditazione sarà a cura della teologa Stella Morra); il tutto in compagnia del quartetto d’archi della Fondazione Fossano Musica. I tre appuntamenti avranno luogo nella Chiesa dei Battuti Bianchi, in largo Camilla Bonardi a Fossano, a partire dalle ore 20.45: domenica 4 novembre: “Adorazione dei Magi”, domenica 11 novembre: “San Giovanni Battista”; domenica 18 novembre: “La Vergine delle Rocce”.

Coppie in nuova unione: cosa è cambiato con “Amoris Laetitia”?

Amoris Laetitia copAd un anno e mezzo dalla pubblicazione del testo frutto del Sinodo dei Vescovi e a firma di Papa Francesco, come si sta rinnovando l’agire della comunità cristiana in riferimento alla famiglia, in ogni sua diversa sfaccettatura? In modo particolare, cosa è cambiato in riferimento a chi dopo una separazione o un divorzio ora vive una nuova unione di coppia nella forma della convivenza o del matrimonio civile? Gli Uffici di Pastorale Familiare delle Diocesi di Fossano e di Cuneo, vogliono tenere alta l’attenzione su tematiche che coinvolgono tantissime persone che abitano il nostro territorio, e che desiderano riscoprire la compagnia della Chiesa nella loro quotidianità, offrendo la possibilità della lettura e del commento del capitolo 8 di Amoris Laetitia a loro dedicato.

Per favorire la partecipazione di coppie in nuova unione, ma anche di chi svolge un qualunque servizio in Diocesi o in parrocchia, o più semplicemente vuole approfondire l’argomento, lo stesso incontro verrà proposto venerdì 17 novembre ore 20.45 a Fossano (c/o Centro Diurno “S. Chiara”, via Villafalletto 24), e martedì 28 novembre ore 20.45 a Cuneo (c/o Seminario Vescovile, via Amedeo Rossi 28).

Continua a leggere

Don Pino Ruggieri presenta “Chiesa sinodale”

Don Pino RuggieriSu iniziativa del Chiccodisenape e del Centro Studi Bruno Longo, venerdì 17 novembre alle ore 20.45, presso il Centro Studi Bruno Longo,in via Le Chiuse 14, a Torino, Morena Baldacci converserà con don Giuseppe Ruggieri a partire dal suo ultimo volume “Chiesa sinodale” (Laterza 2017, pp. 280, € 24). L’autore ha presentato il libro in una lunga intervista in due parti che si può leggere qui: 1ª parte, 2ª parte.

Per ulteriori informazioni e per conoscere meglio il coordinamento di gruppi di Torino che ha promosso l’incontro, visitate il sito di Chiccodisenape.

Gilles Routhier a Torino

Gilles Routhier, professore di Ecclesiologia e Teologia pratica all’Université Laval (Québec) e all’Institut Catholique di Parigi, e studioso del Concilio Vaticano II, è a Torino lunedì 5 giugno. Interviene sul tema: «Il “contagio” del Vangelo – La svolta missionaria secondo Evangelii Gaudium». Appuntamento alle ore 20,45, presso il Teatro S. Massimo, via Provana 6 – Torino. L’incontro s’inserisce nel percorso di preparazione del Convegno su “Annunciare il Vangelo nella città secolare”, organizzato dalla rete Chiccodisenape per il prossimo 21 ottobre.

Religioni e violenza, tre serate per riflettere

preghiera-ecumenica-assisi

Lo Studio Teologico interdiocesano e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose della provincia di Cuneo con sede a Fossano, hanno organizzato il 9-10-11 novembre, presso l’aula magna del Seminario interdiocesano (viale Mellano, 1), l’annuale “Tre giorni di studio”, dedicata al tema “Religioni e violenza”.

Gli attentati di questi ultimi anni in alcune città europee e americane, le guerre in Medio Oriente, la tensione creata da diversi gruppi di estremisti islamici in diversi paesi dell’Africa, hanno riportato alla ribalta il problema della violenza legata e giustificata a partire dalla religione. Dopo l’attentato alle Torri gemelle di New York nel 2001, qualcuno ha parlato di scontro o guerra tra civiltà, in seguito l’interpretazione delle tensioni come una guerra tra religioni si è fatta sempre più forte. Da un lato si ha l’impressione, e per qualcuno sta diventando una convinzione, che alcune religioni più di altre siano votate alla violenza e quindi non possano contribuire alla convivenza pacifica ma, anzi siano contrarie. Dall’altra sta ritornando la convinzione che se non esistessero le religioni, forse, nel mondo ci sarebbe molto meno violenza se non addirittura non ci sarebbe proprio. Si sta radicando l’idea che tra religioni diverse non si possa convivere e che vivere la fede con convinzione non può che portare alla violenza e all’intolleranza.

Chi conosce un po’ la storia dell’Europa sa che queste tematiche hanno accompagnato, potremmo dire, da sempre la nostra storia e contrassegnato le varie epoche e le riflessioni che sono state fatte su di esse.

Nell’affrontare però la relazione tra religione e violenza è necessario allargare lo sguardo e far intravedere come la questione della violenza faccia parte della vita umana a prescindere dalla sua coloritura religiosa. La violenza abita la vita umana e di fronte ad essa l’uomo deve prendere una posizione. Le religioni che non possono che radicarsi su questa realtà che accomuna tutti non possono non prendere posizione.

In questo contesto, attuale ma nello stesso tempo antico, si vogliono collocare le “Giornate di Studio”. La prima serata (mercoledì 11 novembre), con l’aiuto di Marco Guzzi, ci si inoltrerà nelle pieghe più o meno nascoste dell’umano per far intravedere come la violenza sia una realtà di fronte alla quale l’uomo sempre deve scegliere.

Le altre due serate saranno contrassegnate dal tentativo di affrontare più dettagliatamente i riferimenti e le invocazioni alla violenza presenti nei testi sacri per il Cristianesimo e per l’Islam. Nella riflessione ci faranno da guida la teologa ed esegeta Rosanna Virgili (giovedì 10 novembre) e il teologo mussulmano Adnane Mokrani (venerdì 11 novembre). Le tre serate si tengono presso l’aula magna del Seminario interdiocesano di Fossano (viale Mellano, 1) dalle 19 alle 22,30, con possibilità di cena a buffet (costo euro 5).

Scarica il programma dettagliato: religioni-e-violenza-sti-e-issr