Giona tra verità e realtà è il tema della 3ª Lectio

Sabato 15 dicembre, nei locali del Seminario interdiocesano a Fossano, alle 15,30, “L’Atrio dei Gentili” propone il terzo appuntamento della Lectio divina 2018-2019 (organizzato insieme all’Azione cattolica di Fossano) sul tema “La verità che non ragiona… di una verità che si va facendo e, spesso, non si sa”; Stella Morra commenta Giona 3,10 – 4,11: “Tra verità e realtà”. L’incontro è aperto a tutti (non solo ai soci).

In piazza per “Dirittiatestaalta”, lunedì 10 dicembre

Diritti a testa altaAnche Fossano aderisce a “dirittiatestaalta”, l’iniziativa promossa il 10 dicembre da ActionAid, Amnesty International Italia, Caritas, Emergency e Oxfam Italia per celebrare insieme il 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani e ricordare il suo valore. Un anniversario importante, ma soprattutto un’occasione per riflettere sul significato dei diritti umani, in un periodo storico non facile da questo punto di vista, in cui pare prevalere l’innalzamento di muri e la divisione, piuttosto che l’inclusione e l’attenzione alle persone.

L’invito è per lunedì 10 dicembre dalle 18 in piazza Manfredi a Fossano e in oltre 80 città italiane per ribadire, tutti insieme, i contenuti e i valori della Dichiarazione universale dei diritti umani, che mai come in questo momento sono necessari per riuscire a costruire forme di convivenza più umane e contrastare le nuove forme di razzismo, criminalizzazione della solidarietà e odio per il diverso.

Con il patrocinio del Comune di Fossano, diverse associazioni del territorio invitano ad aderire alla manifestazione tutte le persone che condividono questo appello: “Il 10 dicembre di 70 anni fa veniva approvata la Dichiarazione universale dei diritti umani, che indica nel rispetto degli uguali diritti di ogni essere umano il fondamento di un mondo libero, giusto e in pace.

La Dichiarazione stabilisce eguaglianza e dignità di ogni essere umano e pone in capo a ogni Stato il dovere centrale di garantire a tutti di godere dei propri inalienabili diritti e libertà. A oggi, non uno degli Stati firmatari ha riconosciuto ai cittadini i diritti che si era impegnato a promuovere.

Nel nostro Paese, la negazione nella pratica di questi diritti sta facilitando la diffusione di nuove forme di razzismo, la solidarietà è considerata reato, l’odio per il diverso prevale sullo spirito di fratellanza, l’aiuto viene tacciato di buonismo.

Oggi più che mai è urgente recuperare quei principi di umanità e di convivenza civile che sono alla base della Dichiarazione e che la retorica della paura sta cercando di smantellare. Il 10 dicembre scendiamo in piazza per dire al mondo che stiamo dalla parte dei diritti e delle persone”.

Le associazioni che hanno aderito sono Agesci, Amnesty Cuneo, Acli di Fossano, Arci, Asfo associazione Senegalesi, associazione nazionale Alpini Fossano, associazione “In cortile” di Genola, Atrio dei gentili, Azione cattolica, Cgil, Club alpino italiano, Commissione pari opportunità Fossano, Consulta per le pari opportunità Genola, Comunità Papa Giovanni XXIII, Comunità musulmana Fossano, cooperativa Colibrì, Corte dei folli, Crescendo, Culturadalbasso-impresa sociale, Emergency Cuneo, Erbavoglio Trinità, Fondazione Revelli, Freak out, Gas L’Arcipelago, Il Melograno, Liberamente santalbanese, Lvia, Masca teatrale, Mlal, Noi altri, Oltre la polvere, Orso Cooperativa sociale, Pastorale sociale del lavoro.

L’Europa che vogliamo, incontro di approfondimento con l’Ac regionale

Il gruppo fede-politica della Delegazione regionale di Azione cattolica, in collaborazione con il Meic e con la Pastorale sociale e del lavoro del Piemonte e Valle D’Aosta, propone un incontro di approfondimento sul tema “L’Europa che vogliamo”. L’appuntamento, aperto a tutti, è per sabato 15 dicembre nel Centro diocesano di Torino di via Matteotti 11, a Torino (ore 9,30-12). Interviene Floriana Cerniglia, docente di Economia politica dell’Università cattolica del Sacro Cuore di Milano. “Come già lo scorso anno sulla questione migranti – spiegano gli organizzatori – si tratta di un incontro di documentazione (preparato con l’Università cattolica di Milano) che mettiamo a disposizione delle diocesi del Piemonte e Valle d’Aosta e di quanti sono interessati in vista dell’appuntamento con le elezioni europee di maggio”.

“Lectio” di Avvento con il monaco Semeraro

Semeraro Michael Davide

La comunità diocesana di Fossano inaugura l’Avvento con una Lectio divina che si svolge lunedì 3 dicembre alle 21 in Cattedrale a Fossano, alla presenza del vescovo Piero Delbosco. Il tema è un versetto tratto dal libro del profeta Isaia “Ecco faccio una cosa nuova, non vene accorgete?”. A commentarla è stato chiamato fratel Michael Davide Semeraro, monaco benedettino, dottore in Teologia Spirituale, vive nella Koinonia de la Visitation a Rhêmes-Notre-Dame (Aosta). Nel suo servizio di intelligenza della fede e di accoglienza della vita, cerca di coniugare la sua esperienza monastica con l’ascolto delle tematiche che turbano e appassionano il cuore degli uomini e delle donne del nostro tempo. Scrive libri, collabora ad alcune riviste e, compatibilmente con le esigenze della vita monastica, tiene conferenze e accompagna ritiri.

Storia di una famiglia borghese del ‘900

la casa nella pineta.png

Un libro straordinario e due ospiti unici per riflettere sugli ultimi cinquant’anni della nostra storia e sulle “vite ben spese” in una grande famiglia italiana fortemente impegnata nel sociale. Il libro è “La casa nella pineta – Storia di una famiglia borghese del Novecento” di Pietro Ichino, gli ospiti sono mons. Derio Olivero, fossanese, vescovo di Pinerolo, e, naturalmente, l’autore; introduce Enrico Castellano. L’evento si svolge sabato 24 novembre alle 17.30 a Fossano, al Centro Congressi Sant’Agostino di Palazzo Righini (via Negri 20). Promuovono l’evento l’Atrio dei Gentili e la Fondazione NoiAltri, i cui valori e il cui impegno (più culturale per l’Atrio, più operativo per la Fondazione) sono molto vicini a quelli praticati dalla famiglia protagonista del libro, e che del libro sono il filo conduttore. Durante la presentazione sarà possibile acquistare il libro da far firmare all’autore. L’ingresso è libero.

“La vergine delle rocce” commentata da Stella Morra

Leonardo_da_Vinci_Virgin_of_the_Rocks_(National_Gallery_London)Domenica 18 novembre alle ore 20.45 nella Chiesa dei Battuti Bianchi, in largo Camilla Bonardi a Fossano, c’è il terzo appuntamento con i quadri esposti alla mostra “Leonardo. Opera omnia”. Ad un primo sguardo del quadro sotto il profilo storico e artistico a cura della docente Barbara Villosio, seguono la lettura della pagina di Vangelo a cui l’opera si riferisce e una meditazione per cogliere come “attraverso Leonardo”, Scrittura e pittura non cessino di raccontare una umanità che ci è comune. Il commento del quadro è affidato a Stella Morra, teologa fossanese docente alla Pontificia Università Gregoriana di Roma.

La serata, promossa dalla Diocesi Fossano, dalla Fondazione Crf e dall’associazione “L’Atrio dei Gentili”, è intervallata dal quartetto d’archi della Fondazione Fossano Musica, a cura di Simona Perotti.

Lectio, sabato 17 il secondo incontro

Nel fine settimana l’Atrio dei Gentili, in collaborazione con l’Ac diocesana, propone il secondo appuntamento con la Lectio divina, che quest’anno ha per tema “La verità che non ragiona… di una verità che si va facendo e, spesso, non si sa”. Sabato 17 novembre, presso i locali del Seminario interdiocesano a Fossano, dalle 15,30 alle 16,45, Stella Morra commenta Numeri 20,1-13: “Una verità per vivere”. L’incontro è aperto a tutti.