Questioni etiche, un pericoloso tranello

«Voglio sottolineare l’uso strumentale che viene fatto delle grandi questioni etiche trasformandole in battaglie politiche. Si cercano soluzioni ed escamotage per rendere inapplicabili eventuali disposizioni legislative, si formulano emendamenti e quant’altro per far apparire chi le propone quale defensor fidei. È un pericoloso tranello che deve essere immediatamente smascherato dalla comunità ecclesiale. La croce non può essere brandita come spada e, se si vuole proprio ergersi a paladini della cristianità, lo si deve fare in modo integrale: difendendo non solo con le parole, ma anche con i fatti la vita, il matrimonio e la famiglia, offrendo limpida esemplarità nei propri comportamenti esistenziali, accogliendo senza riserve ogni categoria di “povertà” (malato, anziani, immigrato, indigente, disoccupato…); testimoniando una profonda onestà amministrativa nella gestione del bene comune… Il cattolico è tale in tutta la sua parabola esistenziale, non solo di fronte all’aborto o all’eutanasia».

Salvino Leone, presidente dell’Istituto di studi bioetici “S. Privitera” (da “Settimana” 1.11.2009)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...